TERME GRATIS... E IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

La legge di Riforma Sanitaria stabilisce che tutti i cittadini hanno diritto di praticare, annualmente, un ciclo di cure termali della durata di 12 giorni, nella localitࠥ stabilimento che preferiscono, con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale.


Pazienti non esenti
Pagano la quota fissa di ର0 per lro ciclo di cura: I cittadini di etࠣompresa tra i 6 e i 65 anni con reddito annuo superiore a 3,31 (Lit. 16 milioni) per persona singola o superiore a ᮳62,07 (Lit. 22 milioni) per famiglia. Il ticket si paga direttamente alle Terme: questo diritto fisso d'ammissione alle cure 蠣omprensivo del controllo medico obbligatorio.

Come si accede alle cure termali:
Per fruire di tale ciclo di cure 蠳ufficiente munirsi di ricetta del proprio medico curante, redatto sul proprio ricettario regionale, e presentarsi direttamente allo stabilimento prescelto senza recarsi alla propria ASL. La ricetta del medico deve contenere la diagnosi corrispondente ad una delle patologie indicate al punto 6 (indicazioni), ed il corrispondente ciclo di cure da effettuarsi. Le categorie protette di cui all'art.57 della legge 833/78 possono fruire nel corso dell'anno di un ulteriore ciclo di cure specifico. Il ticket, sopraindicato, si paga direttamente alle Terme:questo diritto fisso d'ammissione alle cure 蠣omprensivo del controllo medico obbligatorio.


Pazienti con esenzione totale
Non pagano la quota fissa di 㬱0, con l⢬igo da parte del medico curante di indicare sull�gnativa il tipo e il numero dell㥮zione:
- Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla prima alla quinta.
- Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla sesta all䴡va solo per le prestazioni correlate alla patologia invalidante.
- Invalidi per servizio appartenenti alla prima categoria.
- Invalidi civili con invaliditࠡl 100%.
- Invalidi civili con assegno di accompagnamento.
- Grandi invalidi del lavoro.
- Ciechi civili assoluti.
- Ventesimisti binoculari.
- Minori di 18 anni con assegno di accompagnamento.
- Invalidi civili con invalidit࠳uperiore ai 2/3 e fino al 99%.
- Invalidi per lavoro per malattie professionali con invaliditࠩnferiori ai 2/3 solo per le prestazioni correlate alla patologia invalidante.
- Invalidi civili con assegno di accompagnamento.
- Sordomuti.
- Esenti per patologia solo per prestazioni correlate alla patologia invalidante.
- Portatori di patologie neoplastiche maligne.



Esenzione Parziale
Pagano la quota fissa di 챰:
- Cittadini di etࠩnferiore ad anni 6 (fino a 5 e 364 gg) o uguale o superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo per l precedente inferiore a 殱51,00 (Lit. 70 milioni).
- Titolari di pensione al minimo con pi䩠60 anni ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all precedente inferiore a 3,31 (Lit. 16 milioni) o ᱮ362,07 (Lit. 22 milioni) per famiglia incrementato di un ulteriore milione per ogni figlio a carico.
- Disoccupati ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all precedente inferiore a 3,31 (Lit. 16 milioni) o ᱮ362,07 (Lit. 22 milioni) per famiglia incrementato di un ulteriore milione per ogni figlio a carico.
- Titolari di pensione sociale ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all precedente inferiore a 3,31 (Lit. 16 milioni) o ᱮ362,07 (Lit. 22 milioni) per famiglia incrementato di un ulteriore milione per ogni figlio a carico.